Una degustazione nel mondo senza bisogno di passaporto. Vini Migranti a Montelupo Fiorentino il 19 e 20 gennaio

Locandina Vini Migranti

 

La storia della vite è vecchia più del cucco, si sa, e si sa anche che questa pianta dai super poteri, capace di dare vita al nettare più inebriante ed afrodisiaco del mondo, cresce vigorosa e con la voglia di stupire quasi in ogni angolo della terra, basta abbia a disposizione un clima non troppo perfido ed un terreno fertile, capace di prendersi cura di essa e dei suoi frutti.
Domenica 19 gennaio e lunedì 20 gennaio andrà in scena una esplosiva kermesse enoica che porterà a Facto a Montelupo Fiorentino (Fi) 50 produttori da ogni dove, orgogliosi di presentare ai presenti “i loro figli” bianchi, rossi, rosa, lisci o con bolle.

A Vini Migranti, nata dall’incontro di menti sognatrici ed invaghite come poche altre di Bacco, ovvero quelle di Andrea Rubbi di Enoteca “Lortica” di Bologna, Teseo Geri di “Spezie Rare”, Stefano Secci (Sommelier & Food-blogger) e Lorenzo Macinati di “Solo Vino Enoteca Naturale” di Roma con la collaborazione di Leonardo Romanelli, enogastronomo, volto noto della tv, scrittore, attore ed insegnante, il girare tra i banchi di assaggio sarà come migrare da un continente all’altro: ci si potrà così fermare a Betlemme ed assaggiare il vino di Palestinesi e di Israeliani, andare in Libano, dove i vini hanno radici siriane, prodotti da chi dalla sua terra è dovuto scappare per cercare una vita che si chiamasse davvero vita.
Si potrà poi godere del clima paradisiaco della Baja California, in Messico, ed assaporare un vino sciamanico ottenuto da un vigneto di 120 anni al confine tra Messico e Stati Uniti e poi continuare ancora a viaggiare, con il gusto e con la mente, tra Francia, Spagna, Ungheria e soprattutto Italia.

Questa prima edizione di Vini Migranti, dove si terranno anche degustazioni guidate affatto scontate, vedrà la presentazione in anteprima in Europa del progetto Borderless Wine (www.borderless.wine), in collaborazione con Peter Welton, nato per tutelare e promuovere vini di qualità, da agricoltura sostenibile, che prendono vita in angoli del mondo vocati alla viticoltura ancora tutti da scoprire e da bere.

I Produttori

CASA CATERINA FRANCIACORTA
GRAVNER FRIULI
MASTRO BAGLIO SICILIA
VIGLIANO TOSCANA
LEGRET CHAMPAGNE
PARES BALTA CAVA – SPAGNA
LA PIANA CAPRAIA
7 GINO DALLA PORTA PIEMONTE
WALTER MASSA PIEMONTE
MARIA PIA CASTELLI MARCHE
AURORA MARCHE
DAR RICHI LIBANO
TENUTA BELVEDERE OLTREPO’ PAVESE
MONTESECONDO TOSCANA
PODERE ORTO LAZIO
TENUTA CARLEONE TOSCANA
FRANCESCO ANNESANTI UMBRIA
SAGONA TOSCANA
VINA STEKAR SLOVENIA
FERRETTI LAMBRUSCO EMILIA ROMAGNA
DEMETER VINE TOKAJ – UNGHERIA
MARCO SARA FRIULI
PODERE SAN BIAGIO ABRUZZO
CASADEI TOSCANA
LA CASA VIEJA MESSICO
I MANDORLI TOSCANA
BRUNO FERRARA SARDO SICILIA
PODERE SOTTO IL NOCE EMILIA ROMAGNA
LE BONCIE TOSCANA
THOMAS NIEDERMAYER TRENTINO
GINO VITICULTORE SPERIMENTATO FUSO TOSCANA
LA BUSSATTINA TOSCANA
ORTO TELLINUM LOMBARDIA
STATUS NO PALESTINA
LE DUE TERRE FRIULI
SANCTA ISRAELE
PODERE ERICA TOSCANA
AGRICOLA LA SVOLTA TOSCANA
MACEA TOSCANA
COSIMO MARIA MASINI TOSCANA
FATTORIA SAMMONTANA TOSCANA
LA VIRANDA PIEMONTE
GARELLA PIEMONTE
MARIANGELA CIRO’ CALABRIA
CORTE SANT’ALDA VENETO
CASCINA DEL MONASTERO PIEMONTE
EMMANUELLE GIBOULOT BORGOGNA – FRANCIA
RIPANERO CAMPANIA

Programma
Domenica 19 gennaio
10.30-19.00: mostra mercato e banchi d’assaggio
15.30: degustazione Verticale di Vini di Walter Massa *
18.30: degustazione “Grandi Espressioni di Sangiovese” con Leonardo Romanelli*
20.30: Cena con i produttori precco Facto Molino Bistrò con Paolo Miano di Radio Amblé Disco Wine

Lunedì 20 gennaio
10.30-18.00: mostra mercato e banchi d’assaggio
11.00: Champagne Breakfast, degustazione di champagne Maison Legret con Pietro Palma e Alain Legret *
15.00: Verticale di vini Gravner con Mateja Gravner e Antonio Di Mora sommelier del ristorante Joia Milano*

* eventi su prenotazione. € 20
Prenotazione masterclass a questo link
https://www.eventbrite.it/e/biglietti-vini-migranti-85946120159

Per maggiori info: pagina facebook “Vini Migranti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.