Vineria Sonora, dove vino e musica battono all’unisono

L'interno della vineria ed il banco di marmo con il giradischi

Trasformare un antico fondo in una vineria del nuovo millennio. Niente di nuovo sotto il cielo, potreste pensare.

 

Gli scaffali di Vineria Sonoracon vini e vinili

Ma Laura ed Andrea, i due titolari, sono stati invece capaci di stupire, prendendo un fondo a Firenze, che nella sua penultima vita era latteria e nella sua prima macelleria, per lasciarlo quasi intatto, vestito di ciò che per tanti e tanti anni ha raccontato e continua ancora oggi a raccontare, questa volta, però, a ritmo di sorsi di vino e di musica.

Siamo in via degli Alfani a Firenze, tra piazza Santissima Annunziata e piazza Ghiberti, tra l’antico ed il nuovo che avanza. Vineria Sonora è proprio questo: è uno spazio romanticamente retrò, con la musica proveniente dai vinili, un antico bancone di marmo su cui poggia il giradischi, macchine da cucire delle nonne adesso trasformate in accoglienti tavoli, e sedie che potrebbero raccontare storie molto lontane, dove si vive il vino finalmente in un modo diverso, che sa guardare avanti.

I tavoli antichi e le sedie di legno di Vineria Sonora
A Vineria Sonora non si viene per ossigenare ore ed ore il calice, concentrarsi intensamente per scovare profumi astrusi ed innescare discussioni filosofiche sul tema Bacco, ma solo ed unicamente per staccare la spina e per sorseggiare alcune etichette interessanti, spesso di piccolissimi produttori italiani che non arrivano a possedere neanche 2 ettari di terra, che possono essere tutte raggruppate sotto la parola “naturale”.

Adesso, però, no panic! Naturali, vero, ma fatti seguendo l’unico criterio sensato che, almeno a mio parere, dovrebbe rispettare il mercato del vino: vini prodotti con giudizio, buoni e senza strane e fastidiose puzzette o magiche rifermentazioni in bottiglia.

Qui, grazie ViNoi, la distribuzione di Laura ed Andrea di vini artigianali, biologici, biodinamici e naturali, si possono assaggiare quasi 200 referenze da tutta Italia; piccole eccellenze che è possibile abbinare a qualche stuzzichino semplice, ma intrigante, come zuppe calde, pane toscano biologico da grani antichi proposto con le salse dell’azienda maremmana biologica La Selva e salumi artigianali, tra cui la mortadella di Prato, una chicca da non farsi sfuggire.

Se di vini naturali, o di vini in generale, poco riuscite a capirci, non vi preoccupate: Andrea e Laura vi guideranno nella scelta senza farvi sentire un alieno e saranno sicuramente capaci di farvi innamorare di qualche loro piccolo ma grande vignaiolo, in un ambiente in cui il vino di un certo spessore è vissuto come aggregazione, divertimento e relax ed a prezzi accessibili a tutti.

Per restare aggiornati sugli eventi, sia sonori, sia vinicoli, che via via prendono vita, la pagina di facebook “Vineria Sonora” è sempre aggiornata.

Indirizzo: via degli Alfani, 39 rosso, 50121 Firenze FI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.